---

---

IDEA DI BAMBINO
Il bambino, secondo Maria Montessori, non “impara”, ma costruisce il suo sapere e la sua personalità attraverso l’esperienza e le relazioni con lo spazio, con le cose e con gli altri.
Egli sperimenta e conquista, nel contesto della famiglia, della scuola e della società, la propria indipendenza per mezzo di una continua attività con un costante lavoro di concentrazione e di sviluppo. Maria Montessori ha scritto essi “hanno bisogno di ricevere risposte complete, che provocano il loro entusiasmo e suscitano il bisogno di nuove ricerche e di attività intensa”.
È considerato in modo globale, non solo cognitivo e, una volta uomo, cambierà il mondo. La sua non è libertà di fare tutto ciò che vuole, ma è libertà di costruire e ricostruire capacità e saperi.

AMBIENTE

"L'ambiente educativo montessoriano è stato definito come ambiente educatore, maestro di vita e di cultura"

Proporzionato al bambino: tavoli, sedie ed arredi a portata di bambino;

♦ Limitato: contiene il sufficiente senza caos;
♦ Ordinato: come necessità profonda dell'organizzazione della personalità del bambino. "Ogni cosa a suo posto, un posto per ogni cosa"
♦ Organizzato in modo logico e chiaro;
♦ Semplice: oggetti adatti al bambino sia nel peso che nelle dimensioni;
♦ Calmo: clima sereno, privo di rumore;
♦ Armonioso ed attraente: tutto è preparato, è luminoso, invita il bambino alla cura e attira la sua attenzione;
♦ Curato nei particolari; oggetti belli e attraenti;
♦ Ricco di attività: contiene il materiale scientificamente strutturato che risponde alle esigenze del bambino.

INSEGNANTE
I compiti fondamentali dell’adulto/insegnante sono i seguenti:

♦ Saper costruire un ambiente che sappia suscitare degli interessi che via via si manifestano e maturano nel bambino;
♦ Presentare ai singoli bambini l’uso corretto dei vari materiali, usando essenzialmente le mani e non le parole (“Le tue parole sian conte…”) ;
♦ Evitare, con interventi inopportuni, un ruolo di disturbo allo svolgimento del lavoro, pratico e psichico, a cui ciascun bambino va dedicandosi;
♦ Osservare la classe e i singoli bambini.
 

“Il più grande segno di successo per un insegnante è poter dire ‘i bambini stanno lavorando come se io non esistessi”.
“Una prova della correttezza del nostro agire educativo è la felicità del bambino.”
Maria Montessori

MATERIALE
L’ambiente tipico di una scuola montessoriana si distingue per la presenza dei necessari “strumenti” di lavoro psico-motorio e intellettivo dei bambini, strumenti definiti “materiali di sviluppo e di formazione interiore”. Il bambino può muoversi liberamente nell’ambiente, scegliere il materiale messo a sua disposizione, usarlo per quanto tempo desidera, trovando in esso la possibilità di auto correggere gli errori.

Nella scuola Montessori il bambino è “attivo”, è lui che usa gli oggetti dell’ambiente e il materiale di sviluppo in un autentico processo di autoeducazione; è lui che elabora e produce cultura; è lui che costruisce le sue competenze e favorisce la propria crescita.

♦ È accuratamente e scientificamente progettato per soddisfare le esigenze in continua evoluzione dei bambini.
♦ Ha la finalità di soddisfare un bisogno interiore del bambino e di guidarlo nel proprio cammino di sviluppo evolutivo.
♦ Costituisce la componente centrale del metodo perché permette l’autoeducazione, cioè il lavoro individuale, la concentrazione, i processi di astrazione.
♦ Sono astrazioni materializzate in grado di isolare singole qualità in diversa gradazione.

 

VISUALIZZA LA GALLERY FOTOGRAFICA DEI MATERIALI

© SPES - Tutti i diritti riservati - via Ognissanti 70, Padova - tel. 049 869 77 77 - Questo indirizzo email รจ protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - webdesign: CMR - Amministra Sito - sitemap